192710Un problema molto diffuso e di cui, per questo, noi di puoidimagrire.com ci occuperemo in più appuntamenti è la questione della perdita di peso dopo la gravidanza.

Moltissime donne accusano, infatti, il disagio dei chili di troppo e la grande difficoltà a ritornare al peso forma…tanto che addirittura molte rinunciano al concetto di peso-forma, autoconvincendosi che tanto dopo la gravidanza il fisico cambia e quindi non si può più tornare come prima; ciò influisce negativamente sull’umore, sulla propria autostima e sui rapporti con gli altri e se unito allo stress per le cure nei primi mesi di vita di un piccolino, ciò diventa un potente mix per una depressione che può proseguire ben oltre il post partum. Cosa fare allora?

Come sempre più spesso affermano anche i medici, la prima e migliore cura è la prevenzione; e quindi anche in questo caso, per quanto la gravidanza non è una malattia, il primo passo da fare è controllare l’aumento di peso proprio durante i nove mesi, affrontando la gestazione con responsabilità e modernità: buttando via tutti quei luoghi comuni (“devi mangiare per due”, dicevano le nonne, oppure “asseconda le voglie sennò il piccolo nasce con le macchie sulla pelle”…) e quelle leggende che invece oggi sappiamo portare molti danni alla salute di mamma e bambino.

Aumenti sconsiderati di peso, infatti, potrebbero creare rischi seri in fase di parto, ma anche diventare permanenti: gestosi gravidica (ovvero un aumento quasi incontrollato della pressione), diabete, vene varicose e cattiva circolazione, mal di schiena, tendenza a problemi di emorroidi, oltre a tutti i danni estetici come smagliature e cellulite per la mamma; obesità infantile e tendenza al diabete per il piccolino.

Oggi, dunque, la forte raccomandazione dei ginecologi è di restare nel range fisiologico di aumento di peso che va dai 9 ai 12 chili al massimo.



Author:
Time:
Tuesday, June 9th, 2009 at 5:19 pm
Category:
gravidanza
Comments:
You can leave a response, or trackback from your own site.
RSS:
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.
Navigation:

Leave a Reply