PUOI DIMAGRIRE: ATTENTA ALLE “ASPETTATIVE IRREALISTICHE”!

Oggi  voglio raccontarti  una storia, credo che  potrai ritrovartici!

Elena (nome di fantasia) arriva a guardarsi allo specchio, una mattina, e non ce la fa più…quello che vede non le piace proprio!è ancora giovane e non vuole rassegnarsi  ad un corpo in cui non si sente a suo agio.

 Pensa  a come starebbe bene con quelle tre taglie in meno dei pantaloni, a quanti nuovi  vestiti potrebbe comprarsi, a quanti sguardi d’ammirazione riceverebbe, a come si sentirebbe fiera di sé! E poi…, e poi c’è la salute…il colesterolo inizia ad alzarsi, il cuore ad essere affaticato, le ossa a fare male..se continua così presto spenderà più soldi in medicine che dal parrucchiere!!!

Questi pensieri le danno forza e allora…”BASTA, si dice, ora scelgo una bella dieta e da domani si parte per una nuova avventura!”

E così fa…sceglie una dieta che le sembra adatta per lei, parla con il suo medico che le dà qualche consiglio utile e poi VIA, inizia a fare la dieta convinta che questa volta sarà diverso, vogliosa di vedere SUBITO grandi risultati, convinta di perdere VELOCEMENTE gran parte dei suoi chili!

Per rendere il tutto ancora più serio va anche in palestra due- tre volte a settimana e così dopo 15 giorni sale sulla bilancia carica di speranza e di aspettative miracolose!

“COME!!!!!SOLO 1 KILO E MEZZO IN 15 GIORNI?????”urla a se stessa da sopra la bilancia….si aspettava di più, molto di più!

“Vabbè..forse il mio corpo deve prendere il ritmo..meglio avere pazienza!”

La settimana successiva Elena vede la bilancia scendere di ½ kg e così anche nella settimana  a venire..

Ecco..dopo un mese ho perso solo 2,5 kg…tutti questi sacrifici per un risultato misero….io mi aspettavo ALMENO 5-6 kg!” Queste e tante frasi simili assillano la mente di Elena e la conseguenza di questo suo incessante dialogo interiore è che piano piano all’entusiasmo iniziale si sostituisce lo scoraggiamento e questo la porta a guardare le cose con occhi diversi….Ora di fronte a quel pezzo di torta che prima non avrebbe neanche guardato si scopre a dirsi “che male mi farà un pezzetto? Tanto anche se non la mangio calo comunque pochissimo…

E così per altri piccoli “sgarri” che fanno si che, alla fine della settimana successiva l’ago della bilancia non scenda più neanche di un grammo  e, in quella dopo, anzi, ricominci anzi a risalire un po’!

Sembra una storia conosciuta, no? Immagino che è capitato anche a te di pensare e vivere la stessa delusione di Elena. Lo capisco bene. Parti bene, con il massimo entusiasmo e le migliori intenzioni ma se non vedi subito i risultati sperati…molli tutto in preda allo scoraggiamento e al grido di “non ne vale la pena!”

E’ come se partissi da Roma con l’obiettivo di arrivare a Milano, poi, strada facendo, vedi il cartello “Benvenuti a Venezia” e ti accorgi di aver deviato inconsapevolmente:  che fai?

Ti fermi chiedi indicazioni e prosegui per Milano con le nuove informazioni ricevute o giri la macchina e torni a Roma?

Sembra facile la risposta, no? Chi mai , di noi, in una situazione simile tornerebbe a Roma???

Eppure nella dieta FACCIAMO ESATTAMENTE QUESTO! Se non caliamo quanto vogliamo, invece di fermarci a valutare come calare di più o a chiederci se effettivamente il nostro obiettivo era realistico….molliamo tutto e riprendiamo anche i chili persi!!!!NON SEMBRA FOLLE???

Ma allora che fare per evitare tutto questo? Bisogna imparare a porci OBIETTIVI REALISTICI E PERSONALIZZATI! Come si fa?

Lo spiegheremo bene in un prossimo articolo! Altrimenti puoi prenotare una sessione telefonica gratuita per parlarne con noi!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *