42-15532817Un collegamento estremamente scorretto che molte persone fanno è che per dimagrire sia necessario mangiare di meno e, quindi, di conseguenza, rimanere con un perenne senso di fame. Questa opinione è tanto diffusa quanto scorretta! Anzi, per dirla tutta è anche nociva perché avere continuamente fame non fa altro che farci “innervosire” e portarci a desiderare, in modo quasi ossessivo, di mangiare. Perciò quando decidiamo di concederci uno sgarro ci gettiamo letteralmente sul cibo senza freni vanificando, magari giorni e settimane, di dieta e sacrifici!

Comportamenti come questi sono veramente molto comuni, li abbiamo provati tutti…ma allora come trovare un equilibrio? Il segreto sta nell’imparare a sentire il nostro VERO senso di sazietà, ovvero quei segnali che il nostro stomaco ci manda per comunicarci che il bisogno di cibo è stato saziato. Sembra facile? Cosa ce lo impedisce? Il fatto è che la maggior parte delle persone ha disimparato ad ascoltare i segnali di sazietà del proprio stomaco e spesso, invece, li confonde con altri tipi di segnali.

Possiamo distinguere almeno tre tipi di “segnali” di fame: 1) quelli provenienti dal nostro stomaco, che ci indicano che, effettivamente, abbiamo bisogno di introdurre cibo nel nostro organismo; 2) quelli provenienti dalla “gola” che, invece, ci indicano solo che una cosa ci farebbe piacere mangiarla (ma non che abbiamo fame!); 3) quelli provenienti da diversi stati emotivi possibili, come lo stress, il dispiacere, il nervosismo, che non hanno niente a che vedere con il bisogno di nutrimento e neanche con un piacere di gola, esprimono un bisogno di tipo mentale che dobbiamo imparare ad affrontare in modo diverso dal “riempirsi” di cibo. Imparando a riconoscere e distinguere questi diversi segnali puoi dimagrire senza troppe difficoltà! Nelle future pagine di questo blog noi di www.puoidimagrire.com, affronteremo come fare questa distinzione!



Author:
Time:
Monday, June 1st, 2009 at 3:49 pm
Category:
cibo ed emozioni, salute - benessere
Comments:
You can leave a response, or trackback from your own site.
RSS:
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.
Navigation:

Leave a Reply